Piano Design Section Yutaka Matsuki

L'obiettivo della serie CX: un suono brillante che canti

Avevamo tre obiettivi nel progettare la nuova serie CX; supporto solido per il sostegno, una tavola armonica che vibrasse il più liberamente possibile e un suono che corrispondesse alla direzionalità del suono prodotto dal corpo dello strumento. Questa direzionalità è fondamentalmente uguale a quella del pianoforte a coda da concerto del CFX Yamaha; in effetti si potrebbe dire che sono stati sviluppati sulla base dello stesso concetto.

Per il C3X e i modelli superiori (modelli più grandi che richiedono un certo livello di volume) abbiamo migliorato la rigidità del sostegno per fornire un supporto stabile e abbiamo creato un design che permettesse alla tavola armonica che si trova sopra il sostegno di vibrare liberamente. Per il suono, abbiamo utilizzato un nuovo tipo di corda e testato attentamente la qualità del feltro del martelletto.

Il nostro obiettivo da raggiungere era quello di ottenere un suono che "cantasse" in modo brillante. Un aspetto unico della serie CX è l'attenzione che abbiamo dedicato a quelle aree che sono vitali per un pianoforte, come la costruzione della tavola armonica, il suono che ne emerge e l'esterno dello strumento. Di tutte le modifiche di lineup che i pianoforti Yamaha hanno subito negli ultimi due decenni, questa serie rappresenta il miglioramento più ampio e, di conseguenza, la musicalità di questi pianoforti è stata notevolmente migliorata.

Volevamo creare una tavola armonica che potesse cantare e produrre suoni

Proprio come con la serie CF, la nostra ricerca ha enfatizzato il controllo delle tensioni interne alla tavola armonica e siamo stati in grado di compiere progressi significativi. Il suono risultante offre una risposta rapida, un tono brillante e armonie pulite. Riteniamo che migliorare la risposta della tavola armonica, ovvero migliorare l'efficienza della sua irradiazione acustica, valorizzi al massimo queste qualità e offra una gamma più ampia di espressioni.

Fondamentalmente, vogliamo fornire strumenti che vogliano cantare, strumenti che vogliano trasmettere suoni. Piuttosto che strumenti per cui devi davvero lavorare per ottenere un suono, abbiamo voluto creare pianoforti con una tavola armonica e un corpo che volessero cantare, emettere suono. In questo senso, questa tavola armonica, con la sua nuova struttura, risponde bene a qualsiasi input e riteniamo che offra un range espressivo molto più ampio nella sua risposta.

Corde che regalano pure armonie; feltro del martelletto dal tono ricco.

Successivamente, abbiamo dovuto decidere quale suono dare a questo corpo "cantante" e a questa tavola armonica con la sua incredibile risposta. Due dei principali fattori di questo suono sono state le corde e i martelletti. Per questa serie, abbiamo selezionato corde in acciaio armonico dagli armonici puliti, un buon sustain e un suono che trasporta. Abbiamo cercato fogli di feltro, che chiamiamo "tessuto grezzo", e abbiamo realizzato i martelletti del pianoforte all'interno di Yamaha. Il feltro utilizzato nella serie CX viene controllato attentamente ed è estremamente resistente, conferendo un suono pieno e profondo. La combinazione di questo acciaio musicale e del feltro dei martelletti ha ulteriormente migliorato l'unicità dei pianoforti della serie CX.

I progettisti sono costantemente guidati dal desiderio di creare strumenti sempre migliori.

Un pianoforte è un sistema estremamente complesso composto da un gran numero di parti. Inoltre, il suono di un pianoforte è influenzato in modo significativo dalle variazioni del legname, dai materiali naturali di cui è composto e dalle condizioni in cui viene riprodotto; persino il tempo piovoso può cambiare il modo in cui suona un pianoforte. Il suono di un pianoforte può inoltre cambiare a seconda di chi lo intona. Quando si progetta uno strumento delicato come il pianoforte, che è influenzato da così tante variabili, la chiave è minimizzare l'effetto dei fattori come l'ambiente. È quindi essenziale capire come affrontare questi fattori, oltre a possedere l'abilità artigianale e produttiva per creare strumenti che non subiscano variazioni.

È anche importante valutare correttamente i pianoforti durante il processo di sviluppo. Questo non è qualcosa che facciamo noi stessi; abbiamo bensì pianisti di altissimo livello che li suonano per noi e ci riportano le proprie opinioni. Ciò a volte rivela aspetti di cui noi, in quanto sviluppatori, non eravamo consapevoli; quindi teniamo particolarmente a raccogliere queste informazioni. Anche solo un singolo errore in questo processo può portare un pianoforte con molti punti positivi a ricevere una valutazione negativa. Al fine di limitare al minimo gli errori, penso che sia importante avere la capacità tecnica di ottenere lo stesso risultato da un processo di produzione, indipendentemente dal numero di volte in cui viene eseguito, al fine di ottenere un risultato positivo e la valutazione accurata di quegli aspetti positivi.

Tuttavia, penso che nessun designer possa dire che uno strumento è perfetto e di essere completamente soddisfatto. "Gli strumenti esistono nel contesto dell'espressione musicale e la musica stessa non ha limiti. Se pensate a quante diverse varietà di musica esistono, è quasi impossibile per un singolo strumento essere "il migliore". Anche ora, spesso mi trovo a pensare, "hmmm ... se avessi solo cose così, questo strumento sarebbe stato qualcosa di grande," oppure, "se potessi trovare un modo per lo strumento di aiutare la performance con questo tipo di sfumature, sarebbe musicalmente più espressivo." Mentre sviluppiamo questi pianoforti, noi progettisti abbiamo sempre in mente l'immagine di uno strumento molto, molto migliore; probabilmente non c'è fine alla nostra spinta a ottenere di più.

Yutaka Matsuki

Piano Design Section Manager.

È entrato a far parte di Yamaha nel 1992. Dopo aver iniziato a lavorare in Yamaha, Matsuki è stato principalmente incaricato di sviluppare pianoforti verticali e ha partecipato alla creazione del SU7 e di altri strumenti. Dopo aver acquisito ulteriore esperienza nello sviluppo dei pianoforti a coda, gli è stato chiesto di lavorare allo sviluppo della serie CF, che è stata rilasciata nel 2010.
Attualmente, Matsuki è coinvolto nello sviluppo delle aree principali che conferiscono ai pianoforti acustici le loro fondamentali caratteristiche prestazionali.